.
Annunci online

 
alzataconpugno 
I tried so hard an got so far... in the end it doesn't even matter...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

Locations of visitors to this page Sto leggendo

Troppo forte, incredibilmente vicino
perchè Johnatan Safer Foer è un genio

Beatriz e i corpi celesti
perchè avrei tanto voluto essere la Etzebarria

Sto ascoltando

The saints are coming degli U2/Green Day
Gli ostacoli del cuore di Elisa (testo di Ligabue)

Non mi stancherei mai di rivedere

L'età dell'innocenza
Band of Brothers prodotto da Steven Spielberg e Tom Hanks
Will and Grace, Grey's Anatomy, Lost


Nel bene o nel male questo blog è Clintoniano

Questo blog aderisce alla Millenium Developments Goals Campaign

e al

Kimberley Process

Blood diamonds are for never

Questo blog sostiene i refusenick israeliani e...


add this to your site

..gli accordi di Ginevra per la pace in Medio Oriente

sottoscrivili anche tu in italiano su Pace in Palestina


 

Diario | Giochi senza frontiere | Vita da assistenti universitari | Nazioni dis...unite? | Oggi ce l'ho con... | Il processo di Alzata... |
 
Diario
1visite.

7 marzo 2008

Situazioni paradossali...

Location: negozio di abbigliamento frequentato abitualmente (soprattutto dalla mia carta di credito...)

Orario: pausa pranzo

Situazione: l'occhio cade su un bel vestito rosso primaverile... Nonostante il clima decido di entrare e provarlo...

Io: Vorrei provare quell'abito.

Commessa: le vado a prendere la sua taglia...

Dopo un po' arriva con una 46. La guardo un po' perplessa (con tutto il rispetto per chi porta la 46...).

Io: Scusi ma io dei vostri vestiti porto la 42.

Commessa: si ma questo veste pochissimo. Ho appena dato ad una anoressica (che gentile apprezzamento n.d.r.) una 44, figuriamoci se lei alta com'è porta la 42...

Guardo il vestito ed entro nel camerino spiazzata dalla frase... Indosso l'abito (che ovviamente è larghissimo) ed esco a guardarmi allo specchio... La commessa mi guarda scocciata.

Commessa: Vabbè le prendo la 44.

Io: Scusi, ma perchè non mi porta la 42?

Sbuffando ritorna con la 42 che, infatti, risulta essere la mia taglia. Provo due modelli simili tra loro, uno dei quali mi sta un po' meno bene e mi fa sembrare la protagonista di un film anni '50...

Commessa: lo vede che è grassa?

Penso di aver capito male e (ostinata come sono) le chiedo di provare un altro vestito primaverile identico, come modello, a quello invernale che indosso e che è taglia 42. A tale proposito le mostro l'etichetta. La commessa parte e ritorna con la taglia 44.

Commessa: tanto la 42 non le sta.

Indosso la 44 che ovviamente è larga sulla vita e sui fianchi. Così le chiedo di provare "per sicurezza" la 42.

Commessa: la 42 blu non c'è. Le porto la 42 rossa perchè il modello bianco non mi sembra proprio il caso che lo provi, visto com'è fatta...

Beh a quel punto tutto il mio autocontrollo è decisamente saltato...

Io: mi scusi ma ha finito di insultarmi? Sono alta 1.80 e peso 63 chili, le sembro grassa?

Sono entrata nel camerino, mi sono cambiata , ho preso tutti i vestiti e gliel'ho buttati addosso...

Morale della favola: spero solo fossimo entrambe in sindrome pre-mestruale... altrimenti bisogna proprio arrendersi all'incompatibilità tra donne, in determinate situazioni...

 




permalink | inviato da alzataconpugno il 7/3/2008 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (37) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile